sabato 22 agosto 2009

Yogurt al naturale – fatto a casa

In India ero abituato a mangiare lo yogurt fatto a casa. Yogurt con le paranthe, il pane fresco e croccante arrostito con un po’ di olio, era il mio favorito per la colazione. Peccato che la crescente ciccia e il colesterolo non permettono più quei piaceri, se non raramente e adesso, mangio lo yogurt al naturale con i cereali.




Fare lo yogurt fresco a casa è semplice. Lo facciamo così in casa nostra:

(1) Fare bollire il latte: io preferisco usare il latte parzialmente scremato, quello a lunga conservazione, perché non voglio andare a cercare latte fresco ogni giorno. Con questo latte lo yogurt è meno solido ma è buono e ha pochi grassi.

Mia moglie preferisce usare il latte intero fresco. Lo yogurt fatto con questo latte è quasi solido e cremoso.

E’ importante far bollire il latte prima di fare lo yogurt. Veramente non ho mai sperimentato per verificare se lo yogurt si poteva fare anche con il latte non bollito. Mia madre diceva che far bollire il latte serve per pulirlo da molti altri microorganismi che vivono dentro, così i lactobatteri responsabili per la yogurtificazzione del latte hanno il campo libero per agire.

Noi lo facciamo quasi sempre di sera, prima di andare a dormire.

(2) Lasciate raffreddare il latte affinché è tiepido.

(3) Aggiungete 1-2 cucchiai di yogurt al naturale al latte mescolate bene. Usiamo lo yogurt al naturale comprato al supermercato – delle volte ho usato lo yogurt fatto con latte scremato, altre volte ho usato lo yogurt fatto con latte intero – con entrambi i risultati sono stati buoni. State attenti a non usare il “crema di yogurt” che contiene dolcificanti.

(4) Assicurate che latte tiepido si mantiene alla temperatura tiepida per almeno un paio di ore. In India, le notte estive sono tiepide per cui è sufficiente lasciare il contenitore con il latte tiepido al aperto.

In Italia, anche di estate, le notti possono essere più fresche, per cui lasciamo il contenitore dentro il forno o dentro il microonde per la notte.

Di inverno invece, avvolgiamo il contenitore dentro uno scialle di lana che aiuta a mantenere la temperatura ideale, e poi, li mettiamo dentro il forno normale o dentro il forno a microonde. Quando fa molto freddo, mia moglie preferisce accendere la luce dentro il forno normale sopra il contenitore, perché dice che così si mantiene meglio la temperatura.

(5) La mattina dopo lo yogurt è pronto per essere consumato.

Alla mattina, mia madre appena controllato che yogurt era pronto, ne prendeva un cucchiaio da parte da tenere in una coppetta per la sera, per fare altro yogurt, per non dover andare a comprare altro yogurt dal mercato. Secondo lei, una colonia di lactobatteri che si abituava a crescere e vivere a casa era diversa da quello comprato al mercato, e faceva lo yogurt migliore. Per questo motivo, se eravamo stati fuori casa per qualche girono, e al ritorno, non avevamo la nostra coppetta per fare nuovo yogurt, lei preferiva andare dai vicini per chiederli per un po’ del loro yogurt.




(6) Altri trucchi per fare uno yogurt migliore: In India si dice che lo yogurt si fa dentro un contenitore di terracotta perché permette il latte a respirare meglio. Penso che terracotta aiuta perché permette il passaggio all’acqua, e la sua evaporazione, per cui lo yogurt è più solido.

Comunque in Italia, non abbiamo contenitori di terracotta e usiamo le pentole normali.

Un altro trucco è quello di aggiungere un cucchiaio di Marzena al latte prima che bolle e mescolarlo bene. Lo yogurt sarà più cremoso e denso.

Vi sono altre ricette legate allo yogurt come la ricetta per fare il “mishti dai” (yogurt dolce) che si fa nelle famiglie bengalesi e che mi piace molto. Magari un giorno vi parlerò anche di quelle ricette.

Intanto buona fortuna per fare il vostro yogurt. Non dimenticate di farmi sapere se riuscite a farlo bene.

8 commenti:

  1. Ciao! Ne approfitto per chiederti una cosa: in india ho mangiato uno yogurt molto denso dal sapore quasi di formaggio...mi era piaciuto tantissimo!! Sapresti dirmi gentilmente come si chiama? Magari lo si può fare? Grazie mille!

    RispondiElimina
  2. Ciao Sara, si chiama Mishti Dahi, è una specialità bengalese. Piace molto anche a me. Grazie per avermelo ricordato, erano anni che non lo mangio. Magari cercherò di farlo a casa! :-)

    Si fa come per lo yogurt naturale, ma si usa un latte fatto bollire sul fuco lento, con lo zucchero e lo zafferano. C'è un altro modo di farlo al forno, ma non so bene come si fa!

    RispondiElimina
  3. Grazie mille!!! Complimenti per il blog è davvero ricco di spunti interessanti :)

    RispondiElimina
  4. Ciao, sono arrivata casualmente sul tuo blog, cercavo delle ricette indiane per il menu di stasera. Leggendo tra le tue ricette, ho trovato questa dello yougurt naturale, è la stessa che viene usata qui in Marocco, dove vivo, qui si chiama raib. Il procedimento è lo stesso. Mi piace moltissimo e quando posso lo faccio.

    RispondiElimina
  5. Ciao Manu. Mi fa piacere vedere questo commento da Marocco, un paese che vorrei visitare e che mi piace molto!

    RispondiElimina
  6. Ciao ..son approdata qui cercando la ricetta dello yogurt fatto in casa.
    Mi puoi dire cosa è la Marzena che citi nel tuo articolo?
    Complimenti per l'articolo ed il blog!
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela e grazie per la'apprezzamento. Marzena e' un densificante, rende i liquidi piu' densi. E' composto da amido di mais e Marzena e' la marca che avevamo sempre a casa (lo si usa anche per preparare l'impasto per le frittelle e nelle zuppe) ..

      Elimina

Grazie in anticipo per il commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...