sabato 12 giugno 2010

Patate Hasselback al curcuma e al pesto

La ricetta di oggi viene da un ristorante di Stoccolma (Svezia) e si chiama "Hasselback Potatoes". Sembra che vi sia un ristorante che si chiama Hasselbacken, dove queste patate sono una specialità. Penso che la ricetta sia ben conosciuta anche in Italia, ma come tutte le ricette, possiamo sempre aggiungere qualche nostra variazione!

Patate Hasselback al curcuma e pesto alla genovese - foto di S. Deepak

Ingredienti: Patate grandi, olio di oliva, 2 spicchi di aglio, sale, 1 c di curcuma e pesto genovese

Come cucinare: Lavare le patate e poi farle bollire per circa 5 minuti. Tagliare il fondo della patata affinché può restare fermo sul tagliere. Tagliare degli spicchi di 2-3 mm, come i denti di un pettine, lasciando circa mezzo cm di base sotto. Spalmare olio di oliva, sale, strati sottili di aglio e curcuma tra gli spicchi. (Avevo aggiunto anche strati sottili di peperoncino verde ma solo nella mia patata). Mettete le patate in forno scaldato a 240 gradi per circa 30 minuti, finché la superficie è ben dorata. Spalmate un po' di pesto genovese e le "patate Hasselback al curcuma e al pesto genovese" sono pronte.

Patate Hasselback al curcuma e pesto alla genovese - foto di S. Deepak

Un'altra variazione che mi piace molto è "Patate Hasselback alla pizza". Potete indovinare come si fanno! Basta aggiungere un strato sottile di mozzarella e puree di pomodoro tra gli spicchi delle patate. Mi piacciono anche con un pizzico di cummino, sale e olio di oliva.

Conosco qualcuno che le preferisce con formaggio grana. E' voi, avete la vostra variazione delle patate Hasselback?

3 commenti:

  1. Interessante anche questa variante.Io le faccio semplici, con olio e sale.Provo a farle anche anche alla pizza.Grazie!

    RispondiElimina
  2. ciao Sunil! approfittando di questo tuo spazio e del fatto che sei anche medico, oltre che indiano, ho una domanda:
    per il clima del sud dell'india quali cibi/spezie sono quelli più idonei per sostenere quel tipo di tempo, da ottobre a dicembre (dopo febbraio so che diventa davvero faticoso per gli europei gestire il caldo che piomba su quella parte di terra...)

    RispondiElimina
  3. Ciao Carla. Penso che ogni zona/paese del mondo si sviluppa la propria cucina secondo il proprio clima, e la propria terra. Nel sud dell'India ciò significa tante spezie e ingredienti come tamarindo e peperoncino. Comunque se non sei abituata a questi potrai sempre trovare gli idli (palline di riso cotte al vapore), yogurt e frutta.

    RispondiElimina

Grazie in anticipo per il commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...